Il melanoma è un tumore maligno che origina dai melanociti (cellule che determinano il colore della pelle). Può formarsi sulla pelle sana oppure svilupparsi su un nevo preesistente. Oggi è una patologia tumorale in aumento: in Italia ci sono 14mila nuovi casi ogni anno e riguardano pazienti al di sotto dei 50 anni.
 
Alcune persone corrono un rischio più alto rispetto ad altre di sviluppare un melanoma cutaneo. Questo può dipendere da diversi «fattori di rischio». Un fattore di rischio è ciò che aumenta la probabilità di una persona di contrarre una malattia, come il tumore; avere uno o più fattori di rischio non significa però necessariamente ammalarsi.
 
I fattori di rischio
Per il melanoma i principali fattori di rischio sono i seguenti:
•  carnagione chiara e occhi chiari e/o capelli biondi o rossi;
•  presenza di nevi multipli (>100) o atipici;
•  anamnesi personale positiva per melanoma;
•  parente di primo grado affetto da melanoma;
•  esposizione solare eccessiva e storia di scottature solari durante l'infanzia.
 
Prevenzione
Il primo e fondamentale obiettivo nella lotta al melanoma consiste nel riconoscimento in fase precoce e nel successivo trattamento chirurgico che nella maggior parte dei casi è risolutivo. Quando un melanoma viene diagnosticato in fase iniziale, il tumore viene asportato e il paziente può tornare a condurre una vita normale.
 
E’ consigliato l’autoesame dei nei (ogni 3-4 mesi), con l’ausilio della semplice regola dell’abcde: asimmetria della lesione, bordi irregolari, colore disomogeneo (rosso-bruno, rosa non uniforme, nero); dimensioni (> 6 mm), e come evoluzione (crescita/allargamento della lesione o qualsiasi cambiamento nella forma e nel colore). La presenza di qualcuno di questi caratteri può far sospettare il melanoma, e deve quindi spingere ad una valutazione specialistica.
 
Per poter effettuare un’adeguata prevenzione dei tumori cutanei, le linee guida internazionali in materia consigliano controlli ripetuti ogni 6 mesi-1 anno (a seconda dei fattori di rischio personali, come il numero di nevi, familiarità per tumori cutanei, fototipo chiaro, etc).
 
Diagnosi
La visita dermatologica comprende, oltre all’osservazione diretta delle neoformazioni pigmentate, altre metodiche più complesse, come la dermatoscopia che permette la valutazione diretta ed in modo non invasivo e indolore, di micro-strutture anatomiche che si trovano all’interno della pelle. Alcune statistiche riportate in letteratura relative al rapporto tra melanoma e numero totale di lesioni asportate, mostrano che con la sola osservazione clinica, viene riconosciuto circa un melanoma ogni 30 lesioni asportate, il rapporto scende ad 1:15 nel caso in cui l’esame clinico venga effettuato dal dermatologo. Con l’ausilio della dermatoscopia questo rapporto si attesta mediamente su 1:5.