Durante le vacanze estive è facile concedersi qualche peccato di gola in più e godere dei piaceri della buona tavola ma poi al rientro a casa è possibile dover fare i conti con qualche problema di salute come disturbi intestinali, gonfiori addominali, dissenteria, senza dimenticare i chili di troppo. Per tornare in equilibrio e affrontare con più energia l’autunno e le malattie tipiche di stagione, è importante riprendere le sane abitudini a tavola.

I cambi di stagione, specialmente in autunno-inverno, possono alterare l’organismo, causando stanchezza, intestino irritabile, sbalzi d’umore e primi raffreddori: di contro il corpo risponde all’attacco dei virus influenzali a seconda dei fattori genetici e delle difese immunitarie ma può anche contare su un contributo prezioso proveniente da frutta e verdura: in particolare, in questo periodo, tra settembre e ottobre, non devono mancare agrumi, kiwi e ortaggi come cavolfiori e broccoli, ricchi di vitamina C; e tutti quegli alimenti ricchi di vitamine A, C ed E che hanno anche un ottimo potere antiossidante, protettivo e anti invecchiamento.

Un’altra regola da seguire dopo le vacanze è la costanza nei pasti: ricominciare a mangiare in modo regolare, consumando tre pasti principali al giorno (colazione, pranzo e cena), con orari prestabiliti. Magari ci si può concedere due spuntini di mattina e di pomeriggio nelle pause dal lavoro. La seconda regola riguarda l’alcol. In vacanza si tende infatti a eccedere non soltanto con i grassi e i dolci, ma anche con le bevande alcoliche, complici aperitivi, feste e cene. Quando si ritorna alla vita di tutti i giorni è consigliabile consumare  non più di uno o due bicchieri di vino al giorno.

Non bisogna dimenticare che per il benessere serve una buona idratazione. L’acqua aiuta la digestione ed evita inoltre di assumere il cibo con voracità. E’ importante bere mentre si è a tavola, per aggiungere volume e peso al pasto e durante la giornata ci si può concedere qualche bibita dissetante come ad esempio tè e tisane.

Il delicato equilibrio della microflora intestinale durante la stagione estiva può dunque essere compromesso dal caldo eccessivo e dalle errate abitudini alimentari. Per seguire un coretto regime alimentare al ritorno dalle ferie e tenere d’occhio il buon funzionamento dell'intestino, è preferibile non prendere iniziative personali ma affidarsi sempre ad uno specialista, che può essere un nutrizionista o un gastroenterologo in grado di dare i giusti consigli per recuperare il benessere e non incorrere in altri rischi per la salute.